Laura Aprati

Una vita in viaggio.

Un futuro alle spalle

Posted on | Il mio diario | febbraio 11, 2010

imageAd un mese dalle elezioni regionali incominci a pensare chi e come voterai e ti assale uno strano senso di mal di stomaco, “un reflusso esofageo” che trattieni a stento.
Un’amara riflessione. Ci siamo venduti il nostro futuro, e quello dei nostri figli.
Lo abbbiamo venduto per l’abbaglio di una vita fatti di agi, di una casa piena di ogni ben di dio, di una laurea ad ogni costo, del posto fisso e della Milano da bere.
Lo abbiamo venduto al rampantismo degli anni 80. Lo abbiamo venduto per un piano rialzato in più, perché tanto c’è il condono.
Lo abbiamo venduto alla edificazione selvaggia perché c’è bisogno di casa e non fa niente se costruiamo su un costone di argilla. Lo abbiamo venduto alle università private perché la scalata sociale passa anche attraverso un pezzo di carta.
Lo abbiamo venduto ai soldi facili senza pensare a chi li toglievamo. Lo abbiamo venduto alle discariche abusive, magari a mare, mica è roba nostra! Lo abbiamo venduto a chi ci ha detto “va tutto bene, ci penso io siate ottimisti”.
Lo abbiamo venduto ad una classe politica, di destra e di sinistra, che ha gestito il nostro paese come se fosse sempre in emergenza e quindi è giusto che Bertolaso faccia il ministro: l’Italia è un paese da protezione civile. Ogni argomento viene affrontato con lo stesso piglio del fiume che straripa o della frana che si porta via 30 persone e paese interi. E quindi pezze a colore sulla scuola, che viene riformata ogni due anni. E allora pezze alla giustizia nascondendosi dietro il fatto che la nostra è peggio di quella del Gabon.

Questo è un paese dove la parola programmazione è bandita e dove parlare di riforme strutturali è come parlare di un veleno pericolosissimo. Certo pericoloso perché se fai riforme strutturali queste potrebbero andare in porto quando non sarai più ministro, assessore, sindaco… e allora meglio guardare a quello che puoi ottenere oggi alla faccia della crisi economica, della gente che rimane senza lavoro, dell’operaia che entra in fabbrica con il coltello da cucina per sapere quando sarà pagata perché il suo bambino di 8 mesi non ha da mangiare, alla faccia dell’operaio che si dà fuoco perché non c’è la fa più.

L’Italia paga oggi il prezzo di chi ha fatto accordi legati al momento sociale e non nel rispetto del paese che amministrava. Quindi tutti all’università senza sapere quanti alla fine troveranno lavoro, quindi tutti in fabbrica desertificando le terre agricole senza capire dove va il mondo, quindi un impianto siderurgico nel mezzo di una delle terre agricole più ricche d’Italia.
Ed adesso le terre agricole sono inquinate dai rifiuti, le scuole gli ospedali etc. Hanno più risorse di quelle da utilizzare. E nel frattempo i mestieri manuali, quelli che una volta facevano solo gli analfabeti, hanno un bel posto nella nostra economia e ci ricordano una cosa semplice “ se non c’è il contadino che raccoglie le verdure e munge le vacche difficile che qualcuno mangi!”
Eppure siamo capitanati da un imprenditore che ha detto che avrebbe trasformato questo stato in un’azienda efficiente ed efficace.
Efficace certo per lui e per il suo insieme e per tutti quegli italiani che credono che potranno comportarsi come lui tanto:” se lo fa il capo!” Provare per credere se è proprio così. La legge non è uguale per tutti. E sono riusciti a vendere come epocale una riforma scolastica aspettata da 50 anni. Infatti perché è la scuola che c’era in Italia 50 anni fa…
E nel frattempo l’opposizione per non perdere la sua rendita di posizione si trascina in beghe interne e non ha il coraggio di offrire un programma che si realizzerà magari in 10 anni, avendo il coraggio di dire le cose come stanno e non di stare zitti e tacere sperando di raccogliere qualche briciola.

Il paese se lo stanno mangiando e il famoso piano “solo” di cui si discuteva tanti anni fa è tornato con l’abito dei festini, delle leggi ad personam, di un certo giornalismo che dice non dice e che ammica. E l’abile venditore, come lo definiva, Indro Montanelli, sta portando tutta l’Italia dentro il grande fratello e chi la pensa in maniera diversa è fuori dal giro e dalla vita. Mi ricorda tanto il mio professore di marketing della Procter & Gamble (la più grande multinazionale mondiale) che mi ha insegnato i trucchi per vendere la varechina Ace.
Per il grande “Silvio” noi siamo tutti consumatori, dobbiamo spendere e non pensare.

Comments are closed.

-->
  • Chi sono


    Nata in un a terra “forte e gentile” come tutti gli abruzzesi sono tenace e paziente. Sono curiosa e ho voglia di capire perché le cose succedono.
    La conoscenza, la passione per il viaggio mi hanno portata in giro per il mondo ma anche a visitare l’Italia più volte. Amo l’arte e so che la cultura può muovere il mondo.
    Ascolto sempre e credo che la parola sia un’arma da usare con attenzione ed etica.

  • In compagnia

    rovereto rimaandI Peshmerga IMG_3527 IMG_3516 IMG_3510 IMG_3508 DSCN8265 DSCN8262 DSCN8243
  • In viaggio

    06 (1) 32 (1) 38 40 intervistapeshmerga 1 5 10 14 KF2-2206
  • A tavola

    bakhtiari-kebab Falafel-mahshi fichi IMG-20150413-WA0001 lipari1 pizzadello scarto 2 3 4 5
  • Ultime immagini inserite

    pizzadello scarto lipari1 IMG-20150413-WA0010 IMG-20150413-WA0001 fichi Falafel-mahshi bakhtiari-kebab rovereto rimaandI Peshmerga
  • -->