Laura Aprati

Una vita in viaggio.

Sanità, errori fatali

Posted on | Il mio diario | ottobre 26, 2011

16 casi di malasanità al mese.

470 da fine aprile 2009 a fine settembre 2011.

329 pazienti morti  o per errore diretto del personale medico e sanitario (223) o per disfunzioni o carenze strutturali (106).

Questo il quadro che  emerge dai dati rilevati dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario (vedi tabella allegata,ndr)  e i disavanzi sanitari regionali. Errori, disservizi, carenze strutturali sono stati fatali per i pazienti  e i casi di malasanità, negli ultimi due anni e mezzo,sono cresciuti.

dati_aggiornati_al_30_09_2011

Leoluca Orlando  il Presidente della Commissione  commenta questi dati con l’amarezza di chi sa che  rappresentano solo una parte del problema.

“Nel 2008 si è  approvata una legge per la  creazione di un osservatorio, in collaborazione con Cittadinanzattiva, ma non se ne  fatto nulla”dice il Presidente e, continua” i dati che abbiamo nascono dalle denunce dei danneggiati che si rivolgono a noi e ai quali chiediamo relazioni mediche e legali. Oppure andiamo a verificare le situazione che balzano agli onori della cronaca”.

-Presidente leggendo il rapporto ci si rende contro che in 5 regioni la situazione è gravissima

Se ci fa caso le regioni con la maglia nera sono Calabria, Puglia, Lazio, Campania e Sicilia cioè quelle con il disavanzo di bilancio maggiore. E questo vuol dire che chi ha speso di più non ha speso meglio. Anzi ha sprecato.

-Ma il problema del disavanzo e dei tagli quanto e come incide sulla sanità?

E’ proprio questo il problema si taglia indiscriminatamente senza capire quanto e come. E’ un po’ come tagliare i capelli: un po’ fa bene. Tagliare la testa no. Spesso quando si parla di errori medici si va alla ricerca di chi ha commesso l’errore e non del perché che è fondamentale. E ritornando ai tagli oggi il welfare è sottoposto al Ministero dell’Economia che ha un unico obiettivo:il rientro. E il Ministero oggi  stretto in una morsa tra il ministero economico e il federalismo, anche se poi il nostro sistema sanitario  è, mediamente, buono.

-Lei ha parlato che spesso si cerca il chi e si tralascia il perché

Ma certo perchè l’errore umano, fatto 100, può essere 1 il resto sono anomalie funzionali, di consolidamento, tecniche. E noi perdiamo anni a cercare il colpevole intanto le cause, vere, rimangono intatte. Bisogna rimuovere i perché  che sono anche politici. La responsabilità è anche far nominare un primario incompetente.

-Quanto i medici, il personale paramedico sono consapevoli degli errori?

Di fronte ad un errore c’è una difesa corporativistica. L’errore si tace. In Germania la rivista Focus  è uscita con il titolo “I medici fanno errori” e all’interno dell’articolo ci sono nomi e cognomi. Da noi è impossibile anche perché c’ è un clima di paura nel sistema sanitario. Ho registrato molti timori, tra i sanitari, di perdere il lavoro in caso di denuncia. Il sistema politico ha inquinato la sanità e dovrebbe fare 40 passi indietro rispetto a quella che è la salute dei cittadini.

-Cosa può fare la Commissione?

Sicuramente far crescere la fiducia nel sistema sanitaria. E lo si fa non nascondendo la polvere sotto il tappeto anche perché nella nostra sanità ci sono tanti bravi medici, operatori che tutti i giorni si impegnano anche in mancanza di servizi, di ambulanze….Insomma parlare di errori e di malasanità serve anche per tutelare tutto il buono che c’è . Bisogna battersi per capire quali sono i perché e lavorare su quello, tutti insieme così come abbiamo fatto con la relazione sulla situazione della Regione Calabria approvata, all’unanimità il 15 luglio scorso e come abbiamo fatto per il  primo studio sui punti nascita in Italia che sarà reso noto a fine novembre.

(pubblicato su www.malitalia.it e su www.lindro.it)

Comments are closed.

-->
  • Chi sono


    Nata in un a terra “forte e gentile” come tutti gli abruzzesi sono tenace e paziente. Sono curiosa e ho voglia di capire perché le cose succedono.
    La conoscenza, la passione per il viaggio mi hanno portata in giro per il mondo ma anche a visitare l’Italia più volte. Amo l’arte e so che la cultura può muovere il mondo.
    Ascolto sempre e credo che la parola sia un’arma da usare con attenzione ed etica.

  • In compagnia

    rovereto rimaandI Peshmerga IMG_3527 IMG_3516 IMG_3510 IMG_3508 DSCN8265 DSCN8262 DSCN8243
  • In viaggio

    40 1 3 5 9 8 10 12 18 19
  • A tavola

    bakhtiari-kebab Falafel-mahshi fichi IMG-20150413-WA0001 IMG-20150413-WA0010 pizzadello scarto 2 3 5 KF2-2206
  • Ultime immagini inserite

    pizzadello scarto lipari1 IMG-20150413-WA0010 IMG-20150413-WA0001 fichi Falafel-mahshi bakhtiari-kebab rovereto rimaandI Peshmerga
  • -->