Laura Aprati

Una vita in viaggio.

Il dramma bancario

Posted on | Il mio diario | novembre 10, 2011

(di Laura Aprati e Carlo Martigli)

Banche croce e delizia di tutti noi diventano oggi spunto di una conversazione semiseria di Laura Aprati e Carlo A. Martigli. (d’ora in poi solo C. e L.) Una sceneggiatura a 4 mani che parte oggi e che ci porterà, ogni settimana, a ‘leggere’ il mondo bancario.

Carlo “Oggi parliamo di banche ma credi che ci sia ancora qualcuno cui interessa l’argomento?”

Laura “oddio…le banche!!!!ma sei sicuro di volerne parlare?”

C. “sai delle banche non si può non parlare ci sono in mezzo tutti i giorni un po’ come le zanzare d’estate. Nel senso che se vuoi l’estate non puoi fare a meno delle zanzare.
Fastidiose, vero?”

L. “molto fastidiose…le banche direi…anzi insopportabili…ma non esiste qualcosa contro di loro? non so una citronella per le banche?”

C.”Qualcuno ci ha provato anni fa, per esempio Kennedy con l’atto 1110001 o qualcosa del genere, ma è stato assassinato tre mesi dopo. Voleva levare il potere alla Federal Reserve, guarda caso”

L.”….e che mi dici? ma allora rischiamo la pelle a parlare di loro, dei loro tassi usurai …..e dei fidi agli inaffidabili…”

C. “Certo, ma vedi la legge ha stabilito il tasso dell’usura, per esempio per le carte di credito non puo’ superare il 26%…una bazzecola, se pensi che danno meno dell’1% sui conti. Prima per l’usura si guardava lo stato di bisogno cioè se avevi bisogno e la banca ti prestava a interesse allora era usuraia, oggi i soldi non te li dà proprio”

L.”…..alla fine l’ usuraio e’ piu’ onesto delle banche…!!!! un mondo capovolto….”

C.”….in un certo senso sì, ma sai che fanno certi direttori? Dato che la loro banca non può prestarti i denari di cui hai bisogno…ti mandano dalle finanziarie…la più seria ha la faccia di V come Vintage…ma in questo modo anche i poveri direttori integrano lo stipendio…”

L.”….e se si viene a scoprire cosa succede al direttore? Vince una vacanza premio ?”

C. “Dovrebbe vincere una vacanza premio se fossimo in un paese serio, intendo a Gaeta o a San Vittore, posti magari poco ameni a bon marché ….invece al massimo la banca, spaventata dalla cattiva pubblicità, lo fa dimettere.”

L.”….Gaeta e San Vittore, come sei demode’…non sono piu’ di moda…adesso ci sono le Cayman”

C.”….la stessa cosa è successa a Moggi e alla Juventus, se hai visto i giornali di questi giorni….Dice la Juve che non sapeva nulla di quello che faceva Moggi, quando erano 13 anni che dirigeva la Juventus. C’è qualcosa che non mi torna. Certo Le Cayman o ancora meglio le Antigua…in buona compagnia, come sai”

L. “….e poi dimettere non direi magari lo mandano in un’altra filiale e fare altri danni….”

C. “ Come certi sacerdoti pedofili che spostavano da una parrocchia a un’altra. E più facile obbligare uno a dimettersi che licenziarlo, è per via della pubblicità negativa, pubblicità regresso.”

L. “….ma la migliore banca non ti chiude il conto se “esci” di 100 euro…..”

C. “ ….alle banche conviene prima farti uscire di 100 euro così ne paghi 50 di interessi e poi ti chiudono il conto …Ma certo è che con quello che hanno fatto le banche e stanno facendo per l’economia, cioè zero, per farle tornare in simpatia ci vorrebbe altro che il Mulino Bianco…”

L.” lo sai che ad imprenditore che denunciato gli usurai la banca ha chiuso i conti e gli ha chiesto il rientro del fido?e hanno chiesto il suo fallimento?”

C. ”ma certo, è normale, in che mondo vivi, Laura? Le banche se ne fregano della società, salvo quando chiedono allo stato i soldi per non fallire”

L. “conviene collaborare con i criminali che dici?”

C. “i criminali aperti sono più seri. L’errore è stato dare alle banche i finanziamenti occorreva invece entrare nel capitale in questo modo lo stato, cioè noi cittadini, saremmo entrati nel loro capitale, salvando correntisti e posti di lavoro ma buttando magari fuori i manager che le avevano portate alle rovina e quando la situazione sarebbe migliorata allora avremmo rivenduto le loro azioni e lo stato, noi cittadini sempre, ci avremmo anche guadagnato.”

L.”….poveri manager!!! che sofferenza se li buttassero fuori…capisci senza benefit senza macchina aziendale ……drammatico!!!! Sul lastrico poveri uomini”

C. “negli Stati Uniti continuano ad avere buonuscite per decine di milioni di dollari
e sai perché? Per farli stare zitti, altrimenti la banca rischia che vengano svelati gli altarini, e sugli altarini delle banche si prega davanti al dio Denaro, li ho visti, incappucciati e tremanti davanti al loro padrone”

L.. “…..e temono si scopra che ci sia tanta carta straccia nei loro cassetti…un po’ come con Parmalat?”

C. “magari è vero, questi banchieri (non bancari) però li ho visti solo nei miei incubi. Certo, Laura, ma guarda che la Parmalat è stato il trionfo dell’Italia! Per una volta primi, il più grande dafault del mondo più della Enron. E il buon Callisto Tanzi era ai domiciliari nella sua mega villa con galoppatoio, piscina, cinema, campi da tennis. Se qualcuno mi presta 10 miliardi, giuro che fallisco! e poi mi godo la vita…”

L.”una vittoria vera!!! alla faccia dei risparmiatori c’era un signore di Marsala che aveva investito i suoi risparmi in titoli della Parmalat ed e’ finito sul lastrico e non aveva piu’ soldi per mangiare…… ma tanto a Tanzi cosa interessa??? “

C.”purtroppo non abbiamo imparato nulla da questo, abbiamo perfino depenalizzato il falso il bilancio, così rubi in modo elegante e non vai dentro. Non sai che questo è il paese dove i ristoranti sono sempre pieni e gli aerei così affollati da non riuscire a prenotare!! Non lo dico io, l’ha detto il presidente del consiglio. E se il signore di Marsala non ha pane che mangi brioches. L’ha già detto qualcuno questa frase?”

L.” Ma questo e’ un aiuto a tutti i mafiosi che hanno riciclato nelle imprese…lo sai o no?”

C. ”Meno c’è lavoro più ci sono soldi per i mafiosi…più le banche si tengono stretti i soldi più gli usurai e la mafia che c’è dietro di loro, prospera”

L.“ Ma tu i soldi ce li hai in banca o sotto il materasso?”

C. “ In banca perché mi hanno pignorato il materasso!”

Al prossimo appuntamento la premiata ditta Carlo & Laura vi portera’ dentro i conti correnti e i mutui: sarà un bel divertimento, come scoprire Dracula dietro la porta della cucina…

Per i nostri Lettori: chi vuole raccontarci le sue disavventure bancarie può inviare una mail a: inchiesta.banche@lindro.it

 (pubblicato su www.malitalia.it e su www.lindro.it)

Comments are closed.

-->
  • Chi sono


    Nata in un a terra “forte e gentile” come tutti gli abruzzesi sono tenace e paziente. Sono curiosa e ho voglia di capire perché le cose succedono.
    La conoscenza, la passione per il viaggio mi hanno portata in giro per il mondo ma anche a visitare l’Italia più volte. Amo l’arte e so che la cultura può muovere il mondo.
    Ascolto sempre e credo che la parola sia un’arma da usare con attenzione ed etica.

  • In compagnia

    rovereto rimaandI Peshmerga IMG_3527 IMG_3516 IMG_3510 IMG_3508 DSCN8265 DSCN8262 DSCN8243
  • In viaggio

    29 32 (1) 46 intervistapeshmerga 5 7 8 10 18 KF2-2206
  • A tavola

    Falafel-mahshi fichi IMG-20150413-WA0010 lipari1 pizzadello scarto 1 2 3 5 7
  • Ultime immagini inserite

    pizzadello scarto lipari1 IMG-20150413-WA0010 IMG-20150413-WA0001 fichi Falafel-mahshi bakhtiari-kebab rovereto rimaandI Peshmerga
  • -->